villaggi Calabria
 
iscriviti per
ricevere le
offerte Calabria

Informativa per il servizio newsletter offerto da questo sito

I Titolari del trattamento dei dati forniti dall'interessato per l'iscrizione al servizio newsletter con contenuto commerciale, HELLO VACANZE S.r.l. con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) e SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale con sede in Via Andrea Costa, 2 - 63822 Porto San Giorgio (FM) forniscono le seguenti informazioni circa il trattamento di tali dati.
Ai sensi dell'art 13 del D.Lgs. 30 giugno 2003, n.196 – Codice in materia di protezione dei dati personali – (di seguito "Codice") e dell'Art. 13 del Regolamento UE 2016/679 ("Regolamento") desideriamo informarLa che i Suoi dati personali, liberamente conferiti, mediante la compilazione del presente form saranno utilizzati per l'invio della nostra mailing periodica.
Il conferimento si rende necessario per l'iscrizione richiesta. Il mancato conferimento dei dati comporterà l'impossibilità di aderire al servizio.

Finalità del trattamento dei dati trattati

I dati personali forniti volontariamente dagli utenti saranno trattati esclusivamente per l'invio di mail contenenti offerte commerciali e, con separato consenso da esprimersi nelle pagine dedicate contestualmente a richiesta di offerte e preventivi, per l'analisi delle Sue scelte di consumo al fine di poterLa servire al meglio.

Chi tratterà i Suoi dati

Potranno venire a conoscenza di tali dati i soggetti autorizzati al trattamento di HELLO VACANZE S.r.l., preposti alla gestione del servizio newsletter, e di SVILUPPO TURISMO ITALIA S.r.l. unipersonale.
I Suoi dati saranno trattati con modalità manuali, informatiche e/o telematiche e non saranno né comunicati né diffusi ulteriormente a quanto specificato nella presente informativa.
Specifiche misure di sicurezza sono comunque sempre osservate per prevenire la perdita dei dati, usi illeciti o non corretti ed accessi non autorizzati.
La informiamo che per l'invio della newsletter viene utilizzata la piattaforma informatica MailUp di proprietà di MailUp S.p.A., con sede legale in Viale Francesco Restelli 1 - 20124 Milano (MI), Codice Fiscale e Partita IVA 01279550196 (o outsourcer).
Sui server direttamente gestiti dall'outsourcer verrà memorizzato il Suo indirizzo email. MailUp tutela gli invii effettuati per tramite della Sua piattaforma con una policy disponibile al link: https://www.mailup.it/risorse-mailup/strategia/privacy-email-marketing/.

Qual è la base giuridica del trattamento dei suoi dati?

I dati che ci fornisce per l'iscrizione alla newsletter vengono trattati in base al Suo consenso.

Come vengono trattati i suoi dati e per quanto tempo?

I dati personali sono trattati per l'invio delle comunicazioni a mezzo mail con strumenti automatizzati per il tempo strettamente necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti.
I dati trattati per le finalità commerciali di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre due anni.
I dati trattati per le finalità di profilazione di cui alla presente informativa, saranno conservati fino all'eventuale revoca del Suo consenso al trattamento dei dati personali e comunque per non oltre un anno.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Al momento della revoca del consenso, anche se espresso precedentemente alla scadenza del termine di conservazione dei dati raccolti per tali finalità, gli stessi saranno automaticamente cancellati ovvero resi anonimi in modo permanente e la nostra Società potrà chiederLe di rinnovare, anticipatamente a tale revoca, il consenso al trattamento.

Come potrà esercitare i suoi diritti?

Potrà rivolgersi per e-mail agli indirizzi email privacy o email privacy, per verificare i Suoi dati e farli integrare, aggiornare o rettificare e/o per esercitare gli altri diritti previsti dall'art. 7 del Codice e quelli previsti dagli artt. da 15 a 22 del Regolamento.
In qualsiasi momento dall'adesione al servizio, Lei potrà interrompere gli invii delle stesse utilizzando l'apposita funzionalità, presente in ogni comunicazione e-mail.
Da quel momento in poi, non riceverà tale tipologia di comunicazioni a meno che non si proceda volontariamente ad una nuova iscrizione.
Per ogni ulteriore informazione in merito al trattamento dei Suoi dati la invitiamo a consultare l'informativa completa presente nel nostro sito.

Sei in: 

Calabria » La cucina tipica calabrese

La cucina tipica calabrese

'nduja e pane

Origine e proprietà della cucina tipica calabrese

Se state progettando le vostre vacanze in Calabria, sappiate che ad attendervi, tra mare e divertimento, troverete anche una tavola imbandita poiché, come ogni regione italiana, anche qui vi sono meritevoli specialità culinarie nate dai prodotti della terra. Del resto gli Italiani, si sa, sono famosi per l'attenzione che dedicano alla soddisfazione del palato. Allora sediamoci lasciamoci sedurre da una cucina regionale le cui origini sono da ricercare nella creatività delle massaie, le quali si ingegnavano ad utilizzare in modo gustoso e nutriente ingredienti semplici e genuini. I prodotti alimentari che questa terra generosamente offre – grano, olio, ortaggi, vino – unitamente alla saggezza popolare hanno determinato una ricca tradizione, fiore all’occhiello del bacino del mediterraneo. E proprio la tradizione culinaria contadina calabrese, per nutrizionisti ed esperti del settore, diventa punto di riferimento, in particolar modo la dieta di Nicotera (paesino in provincia di Vibo Valentia), caratterizzata da prodotti genuini, da proteine di origine vegetale e significativa nel contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiovascolari.

Le pietanze

Quanti piatti tipici annovera la cucina calabrese? Quali sono i più buoni? Difficile dare una risposta sia per la varietà, sia per la soggettività del gusto, tuttavia proviamo a fare un breve excursus cercando di essere il più esaurienti possibile.

Certo, la prima cosa che viene in mente è la 'nduja, un salume di consistenza morbida e dal gusto particolarmente piccante, tipico delle zone dell'altopiano del Poro, precisamente di Spilinga (Vibo Valentia), ma preparato un po’ ovunque in Calabria e usato anche come condimento per la pasta. La seconda invece potrebbe essere la cipolla rossa di Tropea, con la quale si possono preparare sia marmellate, sia varie pietanze tra cui la prelibata licurdia calabrese, una zuppa che, oltre alle cipolle rosse, contiene anche pane raffermo, peperoncino piccante, caciocavallo e formaggio pecorino grattugiato.

In provincia di Cosenza, troviamo le lagane e ciciari. Le lagane sono un formato di pasta simile alle tagliatelle, ma senza uovo, che vengono cotte e poi condite con ceci (ciciari) lessi, aglio, olio e l’immancabile peperoncino calabrese. Sempre tra i primi piatti proviamo anche solo a immaginare il profumo e il sapore (e farci venire l’acquolina in bocca) della pasta ‘ncasciata o pasta a lu furnu, dove troviamo di tutto: salumi, uova sode, carne, caciocavallo, pasta, patate, sugo, e mollica di pane raffermo. Tutti gli ingredienti, sapientemente mescolati, vanno cotti prima a crudo sul fuoco e poi passati in forno per gratinatura. A seguire non può certamente mancare quello che è il binomio perfetto della cucina calabrese, ovvero pipi e patati, un connubio davvero imperdibile a base di peperoni e patate che vengono scaldati in padella con abbondante olio extravergine d’oliva e serviti come contorno (del resto la pasta al forno ci ha fatto anche da secondo!).

La Calabria è bagnata da ben due mari, il Tirreno e lo Jonio, che regalano moltissimo pesce azzurro di gran qualità. Da provare quindi anche i piatti della marina, tra cui le aringhe alla calabrese, ovvero filetti d’aringa insaporiti con aglio, olio, peperoncino o le alici imbottite con pane, pecorino, prezzemolo e origano, o la tipica sardella calabrese, chiamata anche rosamarina o caviale dei poveri, pescetti di piccola taglia mescolati con aglio, peperoncino macinato e sale, spalmabile.

Siamo giunti al dessert. Molti dolci sono legati alle feste religiose, come la cuzzupa, che non può mancare sulle tavole a Pasqua. La tradizione Se ne prepara una per ogni componente della famiglia e la più grande va al padre. Gli ingredienti sono: uova, zucchero, farina, olio, latte e buccia di limone. La tradizione vuole che la suocera regali una cuzzupa al genero: se le uova usate sono sette vuol dire che il matrimonio è prossimo, se ne sono nove, la promessa di fidanzamento è rinnovata. A Natale, invece, a Catanzaro e a Cosenza, si prepara la pitta nchiusa, roselline di pasta sfoglia al vino bianco addolcite con miele e tanta frutta secca. In questo periodo nelle case calabresi, è d'obbligo anche preparare la pignolata, piccoli gnocchi di pasta dolce, fritti e cosparsi ancora tiepidi con il miele caldo e decorati con codette colorate di zucchero.

Che il pasto abbia inizio! Ah già, ma il vino? Se siete amanti del bianco, il Greco di Bianco, ritenuto il vino più antico d'Italia insieme al Moscato di Siracusa, potrà armonizzare le pietanze, se invece preferite l'intensità del rosso, l'Arghillà non vi deluderà.